La ballata ti lu clandestinu

Partendo dal ricordo degli sbarchi dei primi anni ’90 a Brindisi, “La ballata ti lu clandestinu” racconta delle difficoltà incontrate dai migranti di ogni tempo e luogo.

Testo

La ballata ti lu clandestinu

Questa è la ballata ti lu clandestinu
Cristianu com’ a vui, cu nnu destinu,
Stranu, a voti pacciu, di certu veru
Questa è la ballata ti lu clandestinu
No mi ‘ncimintari ci dicu “so diversu”
Diversu di lu mundu pircé aggiu persu
Nna casa e nnu lavoru, lu pani e po’ lu vinu
Questa è la ballata ti lu clandestinu

Barcuni fantasma, navi senza capitanu,
Solu cu lla spiranza ‘ffrontunu lu mari
Tutti grigi cu nnu caricu ti vita
Cu mienzi cristi piersi, muerti o alla diriva
“Quedda navi -mi ticia alli tiempi sierma-
Sontu l’albanisi ca sta cercanu nna terra”
Era lu novanta ca sbarcaunu ddo nui
E toppu quindici anni la rialtà non è cangiata mai

Sobbra tutti uguali è nnu giudiziu universali
Puerci e santi stritti cu dottori e lli fficiali
E da vagnona ca sunnava ccu si sposa
La sta catta ‘ntra nna stiva la piccina ca spittava
Mammasa voli lla muntua “Libertà”
Ma è nnu nomi sbagliatu quedda campa ma no qua
Era megghiu “Spiranza” ca, diciunu li antichi,
“Quedda no mori mai” e, dicu iu, no mori cussì

Questa è la ballata ti lu clandestinu
Cristianu com’ a vui, cu nnu destinu,
Stranu, a voti pacciu, di certu veru
Questa è la ballata ti lu clandestinu
No mi ‘ncimintari ci dicu “so diversu”
Diversu di lu mundu pircé aggiu persu
Nna casa e nnu lavoru, lu pani e po’ lu vinu
Questa è la ballata ti lu clandestinu

Li guverni sannu fari solu nn’arti
Quedda ti lu rimandu, ieni crai ca sistimamu
Cussi lu poveru naufragu ca sontu
So custrettu mmi ranciu solu pi putì mangiari
Ci era trittu forsi forsi era diversu
Ci era muertu forsi forsi ca era megghiu
Malitettu mari sa dunari e sa pigghiari
Cce ti tocca certu e cuddu ca non ha tuccari

Questa è la ballata ti lu clandestinu
Cristianu com’ a vui, cu nnu destinu,
Stranu, a voti pacciu, di certu veru
Questa è la ballata ti lu clandestinu
No mi ‘ncimintari ci dicu “so diversu”
Diversu di lu mundu pircé aggiu persu
Nna casa e nnu lavoru, lu pani e po’ lu vinu
Questa è la ballata ti lu clandestinu

Questa è la ballata ti lu clandestinu
Questa è la ballata ti lu clandestinu

Traduzione – La ballata del clandestino

Questa è la ballata del clandestino,
Persona come voi, con un destino,
Strano a volte pazzo di certo vero
Questa è la ballata del clandestino.
Non mi giudicare se dico “son diverso”,
Diverso da tanti perché ho perso
La casa, il lavoro, il pane e pure il vino,
Questa è la ballata del clandestino.

Barconi fantasma, navi senza capitano,
Solo con la speranza affrontano il mare,
Tutti grigi con un carico di vita,
Con metà dei tanti persa, morta o alla deriva.
“Quella nave” –mi diceva mio padre–
“sono gli albanesi che cercano una terra”
Era il 1990 che sbarcavano da noi
E dopo quindici anni la realtà non è cambiata mai

Sopra tutti uguali, è un giudizio universale
Porci e santi stipati con dottori ed ufficiali
E quella ragazza che sognava di sposarsi
Diventa mamma in una stiva della bimba che aspettava
Vorrebbe chiamarla “Libertà”
Ma è un nome sbagliato, quella c’è, ma non qua.
Forse meglio “Speranza” che, dicevano gli antichi
Quella “non muore mai” e, dico io, non muore così

Questa è la ballata del clandestino
Persona come voi, con un destino
Strano a volte pazzo di certo vero
Questa è la ballata del clandestino
Non mi giudicare se dico “son diverso”
Diverso da tanti perché ho perso
La casa, il lavoro, il pane e pure il vino
Questa è la ballata del clandestino

Chi comanda conosce solo un’arte
Quella del rimando, “vien domani che sistemiamo”
Così, il povero naufrago che sono
son costretto ad arrangiarmi solo per poter mangiare
Fossi furbo forse forse sarebbe diverso
Fossi morto forse forse sarebbe meglio
Maledetto mare sai donare e pigliare
Quel che ti spetta e quel che non dovresti mai toccare

Questa è la ballata del clandestino
Persona come voi, con un destino
Strano a volte pazzo di certo vero
Questa è la ballata del clandestino
Non mi giudicare se dico “son diverso”
Diverso da tanti perché ho perso
La casa, il lavoro, il pane e pure il vino
Questa è la ballata del clandestino

Questa è la ballata del clandestino
Questa è la ballata del clandestino

Videoclip ufficiale

Credits

  • Enrico Cervellera: Testo e Musica, Voce, Synth, Programming, Mixing
  • Angelo Milone: Djembe
  • Rino Marino: Mixing e Mastering
  • Francesco Mangialardo: Batteria
  • Roberto Mangialardo: Chitarra
  • Fisarmonica: Admir Shkurtaj

Extra

La ballata ti lu clandestinu in onda su Rai RadioUno


Questa sotto è una playlist legata al pezzo. Guarda e condividi tutti i video