Lu pazienti ‘mpazienti

Malasanità, un problema annoso. Parla di questo Lu pazienti ‘mpazienti, di tutte quelle persone che dal sistema medico si aspettano umanità e professionalità.

Testo

Lu pazienti ‘mpazienti

Dottori, ‘nfermieri, chirughi e barillieri
Tutti pronti e priparati, a disposizioni
E lu pazienti faci “non è nienti, è nna scorciatura”
E quiddi mancu pi nnu cazzu hanna sta a cuntrullari
Nci ticunu “stia tranquillu ca’nci stamu nui cu lei
No’ si preoccupi ieri è vinutu unu senza la capu
E amu riusciti chianu chianu puru cu la ncuddamu
Pircè simu schiavi allu seviziu ti lu malutu”

Ma eccu tuttu quantu è solamenti nnu suennu
Aggiu cangiatu canali
E di dottori tutti bravi e a mia disposizioni
Sontu solu quiddi fausi ‘ntra lla televisioni

Pazienti ‘mpazienti ti considerazioni
Critunu e poi chiangunu la loru condizioni
Pazienti ‘mpazienti ca perdunu la capu
Pircé l’umanità scumpariquandu stai malatu

Nci stannu certu puru l’iccizioni filici
Ma la recula qual eti? È ccu lli viti ‘ndicisi
No dannu nnu sorrisu, no parlamu ti spiranza
Fingunu li urgenzi sulu pi cangiari stanza
Ci nci chieti nienti hannu sempri da fari
Puru l’impiegatu cchiu fiaccu cretu nna scrivania
Ma dda penna no’ llu sai ci ti l’è ccattata?
Dda penna nollu sai ci lìè paiata
Ci poi è nnu primariu a tini mali ti capu
O Lilly, la mugghier,i s’hava siliconari
Non è bbona cchiu l’aspirina e pi edda nnu mazziatoni
Ca nn’aereo è sempri prontu, a tutti li ori

Io sacciu ti feriti ca sta spettunu ‘ncora
Nn’ambulanza ti mmerda cu lli pò ssalvari
Sta spettunu in silenziu
Sta chiangunu davveru
Sta spettunu chiangendu ‘ntra nnu friddu cimiteru

Pazienti ‘mpazienti ti considerazioni
Critunu e poi chiangunu la loru condizioni
Pazienti ‘mpazienti ca perdunu la capu
Pircé l’umanità scumpariquandu stai malatu

Traduzione – Il paziente impaziente

Dottori, infermieri, chirurghi e barellieri
Tutti pronti e preparati, a disposizione
E il paziente fa “non è niente, è solo un graffio”
E quelli non ne vogliono sapere, devono controllare
Gli dicono “stia tranquillo che ci siamo noi per lei,
Non si preoccupi ieri è venuto uno senza la testa
E siamo riusciti piano piano pure a rincollarla
Perché siamo servi al servizio del malato”

Ma ecco tutto quanto è solamente un sogno
Ho cambiato canale
E quei dottori tutti bravi e a mia disposizione
Sono solo quelli finti nella televisione.

Pazienti impazienti di considerazione
Gridano e poi piangono la loro condizione
Pazienti impazienti che perdono la testa
Perché l’umanità scompare quando sei malato?

Ci son certo anche le eccezioni felici
Ma la regola qual è? È vederli indecisi
Non danno un sorriso, non parliamo di speranza
Inventano le urgenze solo per cambiare stanza
Se gli chiedi niente hanno sempre da fare,
Anche il più inutile degli impiegati dietro una scrivania
ma quella penna non sai chi te l’ha comprata
Quella penna non lo sai chi l’ha pagata
Se poi è un primario ad avere mal di testa
O Lilly, la moglie, deve siliconarsi,
Non basta più un’aspirina e per lei un paio di schiaffi
Che un aereo è sempre pronto, a tutte le ore

Io so di feriti che aspettano ancora
Un’ambulanza di merda che li possa salvare
Aspettano in silenzio
Piangendo davvero
Aspettano piangendo in un freddo cimitero

Pazienti impazienti di considerazione
Gridano e poi piangono la loro condizione
Pazienti impazienti che perdono la testa
Perché l’umanità scompare quando sei malato?

Credits

  • Enrico Cervellera: Testo e Musica, Voce, Synth, Programming, Mixing
  • Angelo Milone: Djembe
  • Emanuele Raganato: Sax
  • Rino Marino: Mixing e Mastering
  • Francesco Mangialardo: Batteria