Lu taccu

Protagonista di questa canzone, la Puglia, alias il Tacco d’Italia.

Testo

Lu taccu

Quanti vagnuni stannu a giru com’ a mmei
Mienzu ‘lla notti, mienzu a tutti ‘sti casini
Ca pi li uardie li cchiu fiacchi simu nui
Ca no’ vulimu tittu mancu ca esistimu
Li bbenpensanti po’ si stannu rintanati
‘Ntra casi d’oru cu facciati ti pittari
Cussi nisciunu po capiri cce sta fannu
Ma -sacciu bbuenu- mienzu a lloru
non c’è natu mai nnu santu

No’ ti n’assiri ca li mia “so puttanati”
Lu sfogu fessa di ci stai solu rraggiatu
La facci mia – la viti? – è quedda ti la genti
E mo s‘è stancata ccu ti uarda e puru ccu ti senti
‘Ntra llu paluzzu no’ si parla ormai di atru
Ci osci hannu futtutu pi lli sordi ca è rubatu
Non ci pruvà cu dici “tutti maldicenzi”
Toppu sti cuerpi ca sta pigghi tutti ‘ntra lli tienti

Ci la paura veni tuzza alla tua porta
Cu è lu corraggiu cu ndi lleva lu varroni
Ca tuttu quantu è sempri e sulu nna finzioni
Sientimi sanu cce sta dicu a sta canzoni
(x2)

La futtitura nostra è la televisioni
Migghiari ti canali cu nna sola convinzioni
Ca lu patrunu è sempri cuddu
È sempri poi llu stessu
Lu stessu strunzu ca ndi fotti cu surrisi
Pani, giurnu e liettu
Cani cu cani nu ssi mozzucunu mai
E mmara a tei, no llu sai mo lu uai
Rimagnu qua tra la mia genti ‘ntrai llu neru Meridioni pircé

Statti ‘llerta ca sta Puglia eti “lu taccu”
Cuddu ca tai la botta e scatta comu molla
No’ campa bbuenu ca la dignità ci cala
Non eti filu nna carezza o nna merca di zanzana
Beddu mia, beddu mia, mo statti suetu e ‘n paci
Sti rimi ti riscossa, ci ni ssi capaci, ‘ntiendi bbuenu
‘Ntiendi bbuenu tutti quanti ‘sti paroli
Ci sputi ‘ncora all’aria statt’attentu ca mo chiovi

Ci la paura veni tuzza alla tua porta
Cu è lu corraggiu cu ndi lleva lu varroni
Ca tuttu quantu è sempri e sulu nna finzioni
Sientimi sanu cce sta dicu a sta canzoni
(x4)

Traduzione – Il tacco

Quanti ragazzi sono in giro come me
Nella notte, in mezzo a tutti ‘sti casini
Che per le guardie i peggiori siamo noi
Che non vogliamo nemmeno si dica che esistiamo
I benpensanti poi son tutti rintanati
In case d’oro con facciate da rifinire
Così nessuno può capire che stan facendo
Ma -sono certo- tra loro
Non è mai nato un santo

Non dire che le mie son tutte “puttanate”
Lo sfogo idiota di chi è solo arrabbiato
La faccia mia -la vedi?- è quella della gente
Che si è stancata di vederti e di sentirti
Nel Palazzo non si parla ormai di altro
di chi hanno arrestato per i soldi che ha rubato
Non provare a dire “tutte maldicenze”
Dopo questi colpi dritti allo stomaco

Se la paura bussa alla tua porta
Sia il coraggio ad aprire
Ché tutto quanto è sempre e solo una finzione
Senti bene cosa dico in questa canzone
(x2)

La nostra fregatura è la televisione
Migliaia di canali ed una sola convinzione
Che il padrone è sempre quello
È Sempre quello
Lo stesso stronzo che ci ruba con sorrisi
Pane, lavoro e sonno
Cane con cane non si mordono mai
E non lo sai adesso il guaio
Resto qui tra le mia gente nel nero Meridione perché

Stai attento, che la Puglia è “il tacco”
Quello che dà lo slancio e balza come molla
Non dormire sonni tranquilli perché la dignità, se morde
Non è una carezza né una puntura di zanzara
Bello mio, stai attento e rilassati
Queste rime di riscossa, se ne sei capace
ascoltale per bene
Se sputi in aria, stai attento, pioverà

Se la paura bussa alla tua porta
Sia il coraggio ad aprire
Ché tutto quanto è sempre e solo una finzione
Senti bene cosa dico in questa canzone
(x4)

Credits

  • Enrico Cervellera: Testo e Musica, Voce, Synth, Programming, Mixing
  • Angelo Milone: Djembe
  • Emanuele Raganato: Sax
  • Francesco Mangialardo: Batteria
  • Rino Marino: Mixing e Mastering

Extra

Questa sotto è una playlist legata al pezzo. Guarda e condividi tutti i video.