Natali

Un sistema pensionistico equo, che garantisca dignità a chi ha già dato e permetta l’accesso al mondo del lavoro ai giovani. Questo il tema di Natali. Ascolta, scarica, condividi.

Testo

Natali

Babbu Natali, st’annu no’ ffatiari
Dinci allu patrunu ca ti pué penziunari
Cu ddomila anni ti ggiusti contributi
E’ ora tti ri lassi e ccu lassi alli vagnuni
Passa la manu, non è nna sconfitta
Non ti ‘ncapunì la tua Lapponia ‘spetta
Certu non è sulu malavolontà
ma sta la leggi è la leggi
Prima o poi hava cangià


No ssi ‘mbiancunu li strati ddonui
Natali ‘sploti solu pi tradizioni,
Ti ssietti ‘n taula cu tti ‘nquarti ti rrei
E nci sta’ ‘ncora ci ti fami mori.
Ncununu vai alla messa pi spitticulari,
Cummari ‘nvidiusi si scangiunu rricali
E’ nna vita ca si tagghiunu ti gretu
ma sontu amichi quandu scendi Natali

Sott’a la villa giuvintù ‘ntulittata
faci la gara a ci vai cunzatu megghiu
Puru pi st’annu promu non ci rriu
Ma sierma teni facci
Cu si uarda ‘ntra llu specchiu
La dignità cchiu grandi è ccu ti sa cuntintari
Cu passi gli anni cu no tti ccuntienti mai
E mentri spieri cu rria la vota bona
E’ quedda bona ca ti minti ‘ntra lli uai

Babbu Natali, st’annu no’ ffatiari
Dinci allu patrunu ca ti pué penziunari
Cu ddomila anni ti ggiusti contributi
E’ ora tti ri lassi e ccu lassi alli vagnuni
Passa la manu, non è nna sconfitta
Non ti ‘ncapunì la tua Lapponia ‘spetta
Certu non è sulu malavolontà
ma sta la leggi è la leggi
Prima o poi hava cangià

Quandu nasci quasi pi coincidenza
E pi casu ncegni subbutu a rubbari
Non è sfurtuna ci ti fottunu intra
Prima la barba ccu cumenza a ‘ntustari.
Nnu lavoru mienzu onesti pi mmei
Non c’è santu cu si po’ ‘nvintari
Vulia fatiava cu mi spezzu li spaddi
E cu stau cautu quandu rria Natali

Babbu Natali, st’annu no’ ffatiari
Dinci allu patrunu ca ti pué penziunari
Cu ddomila anni ti ggiusti contributi
E’ ora tti ri lassi e ccu lassi alli vagnuni
Passa la manu, non è nna sconfitta
Non ti ‘ncapunì la tua Lapponia ‘spetta
Certu non è sulu malavolontà
ma sta la leggi è la leggi
Prima o poi hava cangià

Sta la leggi è la leggi
Prima o poi hava cangià

sta la leggi è la leggi
Prima o poi hava cangià

Traduzione – Natale

Babbo Natale ‘st’anno non lavorare
Digli al padrone che ti puoi pensionare
Con duemila anni di giusti contributi
È ora che ti rilassi e lasci ai ragazzi
Passa la mano, non è una sconfitta
Non t’incaponire la tua Lapponia aspetta
Certo non è solo mala volontà
Ma questa legge, è la legge
Prima o poi cambierà


Non si imbiancano le nostre strade
Natale esplode solo per tradizione
Ti siedi in tavola per ingozzarti da re
E ci sta ancora chi di fame muore
Qualcuno va alla messa per spettegolare
Comari invidiose si scambiano regali
È una vita che sparlano le une delle altre
Ma sono amiche quando viene Natale

In villa gioventù alla moda
Fa la la gara del “chi va vestito meglio”
Pure quest’anno primo non arrivo,
Ma mio padre ha ancora una faccia
Per guardarsi nello specchio.
La dignità più grande è sapersi accontentare
È passar gli anni senza accontentarsi mai
E quando speri che sia la volta buona
È quella buona che ti sei messo nei guai

Babbo Natale ‘st’anno non lavorare
Digli al padrone che ti puoi pensionare
Con duemila anni di giusti contributi
È ora che ti rilassi e lasci ai ragazzi
Passa la mano, non è una sconfitta
Non t’incaponire la tua Lapponia aspetta
Certo non è solo mala volontà
Ma questa legge, è la legge
Prima o poi cambierà

Quando nasci quasi per coincidenza
E per caso inizi subito a rubare
Non è sfortuna se ti sbattono dentro
Prima che la barba cominci indurirsi
Un lavoro mezzo onesto per me
Non c’è santo che ci possa inventare
Vorrei lavorare da piegarmi le spalle
E stare caldo quando arriva natale

Babbo Natale ‘st’anno non lavorare
Digli al padrone che ti puoi pensionare
Con duemila anni di giusti contributi
È ora che ti rilassi e lasci ai ragazzi
Passa la mano, non è una sconfitta
Non t’incaponire la tua Lapponia aspetta
Certo non è solo mala volontà,
Ma questa legge, è la legge
Prima o poi cambierà

Questa legge, è la legge
Prima o poi cambierà

Questa legge, è la legge
Prima o poi cambierà

Credits

  • Enrico Cervellera: Testo e Musica, Voce, Synth, Programming, Mixing
  • Angelo Milone: Dun-dun
  • Emanuele Raganato: Sax
  • Rino Marino: Mixing e Mastering
  • Francesco Mangialardo: Batteria

Extra

Questa sotto è una playlist legata al pezzo. Guarda e condividi tutti i video.