Paiava

La volontà era quella di costruire un rigassificatore nella già congestionata zona industriale di Brindisi, ma l’indirizzo mutò in seguito alla crescente protesta popolare. Una canzone, Paiava, divenne l’inno del movimento.

Testo

Paiava

Sapi quali notti alla scunduta hanna ‘mpizzari
Stu mostru pi llu gas, propria ‘nfacci mari
Ogni giurnu nna riunioni, ma lu uai no sai qual è
Ca tuttu sta’ ggià scrittu, zittu e mosca e sienti a mme

Capu Biancu è n nu postu -s’era tittu- “ti salvari”
Gabbiani cu lla valigia mo so pronti a migrari
Ci voli ddici “morti”, lu progressu a ddo stai?
‘ntra lli carzi chini ti ci ggià è mangiatu assai

Paiava pi sapiri pircé, paiava
Paiava cu rresta tuttu cussì, paiava

Sapi quali giurnu ncununu hava ‘nvintari
Na tassa iccizziunali cu putimu rrspirari
Ceranu sinu a ieri era cchiu ca sufficienti cu faci inirgia pi tutti
Cu lu sangu ti la nostra genti

Sapi quali matina ncununu s’hava sbantari
Ca sta facimu li fessi sobbra nna polveriera
Prima cu faci crai anzi prima cu scendi sera
Salvami Capu Biancu e mai cu ricordami com’era

Paiava pi sapiri pircé, paiava
Paiava cu rresta tuttu cussì, paiava

Traduzione – Pagherei

Chissà quale notte di nascosto
Qualcuno erigerà questo mostro per il gas, proprio davanti al mare
Ogni giorno una riunione ma il guaio non sai qual è
È che tutto sta già scritto, “zitto e mosca” e senti me

Capo Bianco è un posto – s’era detto – “da salvare”
Gabbiani con la valigia ora sono pronti a migrare
Se vuol dire “morte”, il progresso dove sta?
Nelle guance rigonfie di chi già ha mangiato tanto

Pagherei per sapere perché
Pagherei perché tutto resti così

Chissà quale giorno qualcuno inventerà
Una tassa eccezionale per poter respirare,
Cerano sino a ieri era più che sufficiente
Per fare energia per tutti con il sangue della nostra gente.

Chissà quale mattina qualcuno si sorprenderà
Di stare a ballare su di una polveriera,
Prima che venga domani, anzi prima che scenda la sera,
Salviamo Capo Bianco invece di dover mai ricordare com’era.

Pagherei per sapere perché
Pagherei perché tutto resti così

Credits

  • Enrico Cervellera: Testo e Musica, Voce, Synth, Programming, Mixing
  • Angelo Milone: Djembe
  • Emanuele Raganato: Sax
  • Rino Marino: Mixing e Mastering

Extra

Questa sotto è una playlist legata al pezzo. Guarda e condividi tutti i video.