Assessò

Il malcostume di certa politica. Tutto in una canzone. Tutto questo è Assessò.

Testo originale

Assessò

Quanti prumessi, quanti prumessi
E quantu fiatu tieni ‘ncora a mminari
E quanti facci e quanti maschiri
Nc’è quedda allegra pi lli vagnuni
E quedda tristi pi ll’anziani

A quanti porti sa’ tuzzari
Milli posti nda giurati
Tantu poi te l’ha scurdari
E quanti sordi e quanti poltroni
Vuè futti senza ccu dai cuntu
A ci ora si sta conta

E stamu qua
La politica non è nn’opinioni
E stamu qua
Ma nna scelta sociali
E stamu qua
La politica non è nna staggioni
E stamu qua
Ca si perdi cu la prossima ilizioni

Quanti spiranzi ha cancillari
Cu nnu gestu ti la manu
Tantu poi te l’ha lavari
E quanti seri bbinchi dda panza
Sittatu ‘ntra nnu risturanti
Mentri Beppi Junior canta

E cce saluti?! E cce mi riti?!
So’ cristianu e nno rispondu
No’ vulia ccu ti risienti
E quanti notti ha passari
Durmendu cu nnu uecchi sulu
No sa’ mai ci po’ rrivari

E stamu qua
La politica non è nn’opinioni
E stamu qua
Ma nna scelta sociali
E stamu qua
La politica non è nna staggioni
E stamu qua
Ca si perdi cu la prossima ilizioni

E no’ dummandi mai comu stau
Ti l’ilizioni mi capisci
E osci mancu mi canusci
Alli cumizi è nna magia
Ma li paroli senza fatti
So lanzuli senza lietti

E stamu qua
E stamu qua
E stamu qua
E stamu qua
E stamu qua
E stamu qua
E stamu qua
E stamu qua, qua, qua
E stamu qua

Traduzione

Assessore

Quante promesse, quante promesse
E quanto fiato hai ancora da buttare
E quante facce e quante maschere
C’è quella allegra per i ragazzi
E quella mesta per gli anziani

A quante porte sai bussare
Mille posti ci hai giurato
Tanto lo dimenticherai
E quanti soldi e quante poltrone
Vuoi rubare ancora senza dar conto
A chi oggi si sta contando

E siamo qua
La politica non è un’opinione
E siamo qua
Ma una scelta sociale
E siamo qua
La politica non è una stagione
E siamo qua
Che si perde con la prossima elezione

Quante speranze hai da cancellare
Con un gesto della mano
Tanto poi la laverai
E quante sere riempi quella pancia
Seduto dentro un ristorante
Mentre Beppe Junior canta

E che saluti?! E che hai da ridere?!
Sono serio e non rispondo
Non vorrei ti risentissi
E quante notti passerai
Dormendo con un occhio solo
Non sai mai chi può arrivare

E siamo qua
La politica non è un’opinione
E siamo qua
Ma una scelta sociale
E siamo qua
La politica non è una stagione
E siamo qua
Che si perde con la prossima elezione

E non domandi mai come sto
Per le elezioni mi compatisci
E oggi neanche mi conosci
Ai comizi è tutto una magia
Ma le parole senza fatti
Sono lenzuola senza letti

E siamo qua
E siamo qua
E siamo qua
E siamo qua
E siamo qua
E siamo qua
E siamo qua
E siamo qua, qua, qua
E siamo qua