Natali

Testo originale

Natali

Babbu Natali
St’annu no’ ffatiari
Tinci allu patrunu
Ca ti puè penziunari
Cu ddomila anni
Ti ggiusti contributi
È ora tti rilassi
E ccu lassi alli vagnuni
Passa la manu
Non è nna sconfitta
No’ ti ‘ncapunì
La tua Lapponia ‘spetta
Certu non è sulu
Malavolontà
Ma sta la leggi
È la leggi
Prima o poi
Ava cangià

No ssi ‘mbiancunu
Li strati ddo nui
Natali ‘sploti
Solu pi tradizioni
Ti ssietti ‘n taula
Cu tti ‘nquarti ti rrei
E nci sta’ ‘ncora
Ci ti fami mori

Ncununu vai alla messa
Pi spitticulari
Cummari ‘nvidiusi
Si scangiunu rricali
È nna vita
Ca si tagghiunu
Ti cretu
Ma sontu amichi
Quandu scendi Natali

Sott’alla villa
Giuvintù ‘ntulittata
Faci la gara
A ci vai cunzatu megghiu
Puru pi st’annu
Primu non ci rriu
Ma sierma
Teni facci
Ccu si uarda
‘Ntra llu specchiu

La dignità cchiu grandi
È ccu ti sa ccuntintari
Ccu passi gli anni
Cu no tti ccuntienti mai
E mentri spieri
Cu rria la vota bona
È quedda bona
Ca ti minti ‘ntra lli uai

Babbu Natali
St’annu no’ ffatiari
Tinci allu patrunu
Ca ti puè penziunari
Cu ddomila anni
Ti ggiusti contributi
È ora tti rilassi
E ccu lassi alli vagnuni
Passa la manu
Non è nna sconfitta
No’ ti ‘ncapunì
La tua Lapponia ‘spetta
Certu non è sulu
Malavolontà
Ma sta la leggi
È la leggi
Prima o poi
Ava cangià

Quandu nasci
Quasi pi coincidenza
E pi casu
Ncegni subbutu a rrubbari
Non è sfurtuna
Ci ti fottunu intra
Prima la barba
Ccu cumenza a ‘ntustari

Nnu lavoru
Mienzu onestu pi mmei
Non c’è santu
Cu si po’ ‘nvintari
Vulia fatiava
Cu mi spezzu li spaddi
E cu stau cautu
Quandu rria Natali

Babbu Natali
St’annu no’ ffatiari
Tinci allu patrunu
Ca ti puè penziunari
Cu ddomila anni
Ti ggiusti contributi
È ora tti rilassi
E ccu lassi alli vagnuni
Passa la manu
Non è nna sconfitta
No’ ti ‘ncapunì
La tua Lapponia ‘spetta
Certu non è sulu
Malavolontà
Ma sta la leggi
È la leggi
Prima o poi
Ava cangià
Sta la leggi
È la leggi
Prima o poi
Ava cangià
Sta la leggi
È la leggi
Prima o poi
Ava cangià

Traduzione

Natale

Babbo Natale
Quest’anno non lavorare
Dì al padrone
Che puoi pensionarti
Con duemila anni
Di giusti contributi
È ora di rilassarsi
E lasciare ai giovani
Passa la mano
Non è una sconfitta
Non incaponirti
La tua Lapponia ti aspetta
Certo non è solo
Mancanza di volontà
Ma questa legge
È la legge
Prima o poi
Deve cambiare

Non si imbiancano
Le nostre strade
Natale arriva
Perché tradizione
Ti siedi in tavola
Per ingozzarti
E c’è ancora
Chi muore di fame

Qualcuno va a messa
Per spettegolare
Comari invidiose
Si scambiano regali
È una vita
Che parlano male
L’una dell’altra
Ma sono amiche
Quando arriva il Natale

In villa
Gioventù alla moda
Fa a gara
Per chi è meglio vestito
Anche quest’anno
Non arrivo primo
Ma mio padre
Ha ancora l’orgoglio
Di potersi guardare
Nello specchio

La dignità più grande
È sapersi accontentare
Passar gli anni
Senza accontentarsi mai
E quando speri
Sia la volta buona,
È quella buona
Che ti metti nei guai.

Babbo Natale
Quest’anno non lavorare
Dì al padrone
Che puoi pensionarti
Con duemila anni
Di giusti contributi
È ora di rilassarsi
E lasciare ai giovani
Passa la mano
Non è una sconfitta
Non incaponirti
La tua Lapponia ti aspetta
Certo non è solo
Mancanza di volontà
Ma questa legge
È la legge
Prima o poi
Deve cambiare

Quando nasci
Quasi per caso
E per caso inizi
Presto a rubare
Non è sfortuna
Se ti mettono dentro
Prima ancora la barba
Inizi a spuntare

Un lavoro
Anche borderline
Non c’è modo
Di trovarlo
Vorrei lavorare
Da spezzarmi in due
E stare caldo
Quando arriva Natale

Babbo Natale
Quest’anno non lavorare
Dì al padrone
Che puoi pensionarti
Con duemila anni
Di giusti contributi
È ora di rilassarsi
E lasciare ai giovani
Passa la mano
Non è una sconfitta
Non incaponirti
La tua Lapponia ti aspetta
Certo non è solo
Mancanza di volontà
Ma questa legge
È la legge
Prima o poi
Deve cambiare
Questa legge
È la legge
Prima o poi
Deve cambiare
Questa legge
È la legge
Prima o poi
Deve cambiare