Cumenza la dancehall

In questa canzone, La Resistenza racconta il mondo della notte, con la sua magia, il fascino, ma anche le sue contraddizioni, i rischi, gli stereotipi.

Testo Originale

Cumenza la dancehall

Si stutunu li luci ca cumenza la dance hall
Vagnuni di nna vota comu ‘nfacci allu juke-box
Nisciunu nd’è nvitati, ma la voci corri prestu
La musica ddà fori è cchiu nna prova ti lu restu
Simu li mattuti, sott’osservazioni
Quandu amu trasuti amu ttiratu l’attenzioni
Circamu solu musica cu scoppianu li cassi
‘Ntra la sala cu ndi mangiunu li bassi

Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall

Uardamu lu DJ cu capisci ce vulimu
Sapimu ca ‘ndi sapi, pi custu no chitimu
La signurina balla pari totta sua la pista
Barista ieni qua ieni calindi sta birra
Tuttu è nnu flashare ti mill’accendini
Na tipa si ‘nvicina faci “stamu cchiu vicini”
Lu cori batti forti paru cu llu sua
Li fianchi si movunu e mmo so’n sintunia

Ancora sta ci pensa ca simu sbandati
Da parti ti la società ca è megghiu iaviatari
Nui vulimu sulamenti cu si balla
Ndi bastanu ddo piatti ca cumenza la danza
E stanza pi stanza, casa comu in chiesa
Nu sottascala scala friddu lu facimu a discoteca
La pena cchiu grandi e pi ci dici “solu chiassu”
Questa è libertà ntra lu suenu ti nnu bassu

Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall

Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall

Ci voli cu si mmesca basta cu si mmena in pista
Ci vuei si binvinutu, non c’è invitu pi sta festa
No’ sservi la cravatta, non ha sporchiggiari
Basta la prisenza pircé simu uguali
La Resistenza chieti sulu ccu nni si coscienti
A casa nc’è na mamma ca spetta ccu tti cuerchi
No’ ffari ca no’ ssienti, la spurchia si ni fotti
Ca tu t’ha divirtutu o ha fatiatu ti notti
 
La notti è amica, a vvoti nna puttana
Tu puertinci rispettu, è capaci cu ti ama
Balla, ritmu sincopatu
Nc’è statu ci è catutu e mo lu puè vitìri asatu
Ascolta lu beat e sti paroli
Li coppie mbarazzati cu ssi giurunu l’amori
E poi ‘ntosta, la vita l’ha bbinchiari di fatia
Furtuna no ssi ‘nventa
Chieti a ci non ci critia

Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall

Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall
Cumenza la dancehall

Traduzione

Comincia la dancehall

Si spengono le luci, inizia la dancehall
Ragazzi di una volta davanti ad un juke-box
Nessuno c’ha invitato, ma la voce corre presto
La musica la fuori è più una prova del resto
Siamo gli “imbucati”, sott’osservazione
Appena entrati abbiamo attirato l’attenzione
In cerca di musica che faccia esplodere le casse
Nella sala ci sommergano i bassi

Comincia la dancehall
Comincia la dancehall
Comincia la dancehall
Comincia la dancehall

Guardiamo il DJ perché intenda quel che vogliamo
Sappiamo ci conosca, per questo non chiediamo
La signorina balla sembra tutta sua la pista
“Barista,vieni qua”, vieni a versarci della birra
Tutto è un flashare di mille e più accendini
Una tipa si avvicina e dice: “Stiamo più vicini”
Il cuore batte forte, all’unisono col suo
I fianchi si muovono e ora sono in sintonia

Ancora c’è chi pensa siamo solo degli sbandati
Quella parte della società che è meglio evitare,
Noi vogliamo solamente ballare
Ci bastano due piatti e incomincia la danza
E stanza per stanza, casa come in chiesa
Di un sottoscala freddo ne facciamo discoteca,
La pena più grande è per chi dice “solo chiasso”
Questa è libertà nel suono di un basso

Comincia la dancehall
Comincia la dancehall
Comincia la dancehall
Comincia la dancehall

Comincia la dancehall
Comincia la dancehall
Comincia la dancehall
Comincia la dancehall

Chi vuole unirsi basta scenda in pista
Se vuoi sei benvenuto, non c’è invito a questa festa
Non serve la cravatta, niente paroloni
Basta la presenza perché siamo uguali
La Resistenza chiede solo ne sia cosciente
A casa c’è una mamma che aspetta il tuo rientro
Non fingere di non capire, la sfiga se ne infischia
Ti sia divertito o sia di ritorno da lavoro

La notte è amica, a volte una stronza
Tu portale rispetto, può darsi ricambi
Balla, ritmo sincopato
C’è stato chi è caduto e ora s’è rialzato
E allora ascolta il beat e queste parole
Le compie imbarazzate si giurino l’amore
E poi tieni duro, la vita è avida dei tuoi sforzi
Fortuna non s’inventa
Domanda a chi non ci credeva

Comincia la dancehall
Comincia la dancehall
Comincia la dancehall
Comincia la dancehall

Comincia la dancehall
Comincia la dancehall
Comincia la dancehall
Comincia la dancehall